TRANSURFING volume II / parte 4 – Il fruscio delle stelle del mattino (sinossi)

Standard

(SEGUE A QUESTO)

Detto in soldoni, l’Uomo è composto da due parti che per brevità (e per non addentrarsi in complesse disquisizioni filosofiche) si possono definire come ANIMA e RAGIONE. La Ragione ha la volontà ma non è capace di avvertire l’intenzione esterna così come invece è in grado di fare l’Anima. L’Anima di contro è pura istintualità ma non ha la volontà. Quando Anima e Ragione marciano insieme, unite, allora si può sottomettere l’intenzione esterna alla volontà.

Paragonarsi ad altri è deleterio perché fa cadere nelle illusioni dei pendoli. Ognuno di noi infatti ha già tutto quello di cui ha bisogno per realizzarsi, purché capisca di essere degno di quello che c’è. I pendoli – per convenienza energetica talvolta “accendono delle stelle“: quella tale rock-star, quello scrittore o quel personaggio famoso, diventano loro beniamini perché hanno qualche qualità individuale utile al pendolo.

Infatti funziona sempre: per ogni personaggio spinto ai vertici, ci sono molte più persone pronte a imitarlo, cedendo così la porpria energia al pendolo. Il pendolo così può continuare a nutrirsi della nostra energia senza darci nulla in cambio perché di fatto ha già scelto il proprio beniamino. Bisonga quindi infischiarsene degli stereotipi e trovare il proprio fine autentico, il proprio talento individuale, il proprio individuale settore “stellare”. Non credete pertanto – mai – a chi vi dice di cambiare o di non credere nella vostra individualità.

Per farlo bisogna che la Ragione permetta all’Anima di trovare il suo settore. Bisogna permettersi l’insolenza di credere nelle infinite possibilità dell’Anima e della propria individualità (la Freile). Bisogna rendere nullo il livello di importanza per le ragioni già spiegate in precedenza e bisogna far sì che la Ragione non pensi troppo ai mezzi per raggiungere lo scopo, pena l’impossibilità finale di raggiungerlo. Bisogna, in definitiva, permettersi di avere. E questo è reso difficoltoso dal fatto che l’Uomo è abituato a dipendere dai pendoli e si è disabituato a essere sveglio e a scegliere.

ESSERE VIGILI. Si deve ascoltare di più la propria Anima per udire il fruscio delle stelle del mattino. Se nonostante allettanti attrattive razionali proviamo un’ovattata sensazione di qualcosa di sbagliato, molto probabilmente non è tutto bello come sembra e la nostra Anima ci sta avvertendo. Spesso il disagio dell’Anima si manifesta così, con un senso di ansia penosa, oppressione o disagio. Quando si riflette sul fine da raggiungere non bisogna pensare al prestigio che darà, ne’ alla sua inaccessibilità o a cosa occorrerà per raggiungerlo. Ogni affermazione dovrà essere accompagnata da sensazioni interiori corrispondenti o l’Anima se ne accorgerà, e mancherà quell’unità di Anima e Ragione necessaria per mettere in moto l’intenzione esterna.

Ogni affermazione deve essere espressa solo in chiave positiva e strettamente finalizzata. L’affermazione va indirizzata sulla causa e non sull’effetto e deve essere formulata al presente. La risolutezza ad avere deve essere priva di desiderio di avere o si verrà agganciati dal pendolo. Bisogna prendere ciò che serve senza insistenza, con la stessa pacatezza con cui si ritira la posta dalla cassetta. In questa sezione Zeland spiega la tecnica del “frame”, cioè la tecnica per sfruttare al massimo quella zona di transizione ra gli avvenimenti formati dall’intenzione esterna e quelli pronosticati dal presentimento intuitivo per non farsi imbrogliare dagli automatismi della mente razionale.

(CONTINUA)

About these ads

Una risposta »

  1. Pingback: TRANSURFING volume II / parte 5 e ultima – Il fruscio delle stelle del mattino « Sacro e Profano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...